01 settembre 2018
The Fourth Hour - Roberto Diana and Tri Nguyen - Review by Liverpool Sound and Vision 9:10 SRatings

The Fourth Hour – 9/10 su Liverpool Sound and Vision

||
0 Comment
|


The Fourth Hour by Roberto Diana & Tri Nguyen riceve un ratings di 9/10 nella recensione di Liverpool Sound and Vision

Non devi capire la meccanica di un valzer per sapere quanto è elegante se viene eseguito da musicisti e ballerini che scivolano senza sforzo sulla pista da ballo, non devi sederti e pensare al funzionamento interiore di “Stop All The Clocks” di Auden o “La Tragedia di Amleto” di Shakespeare considerando come le parole di uomini e donne comuni possano muoversi e tormentarti per tutta la vita e non devi sentirti imbarazzato quando un virtuoso ti presenta la straordinaria influenza del compositore classico italiano Lorenzo Perosi.

Il punto è sentire le emozioni, se desideri andare oltre, allora studiare è sempre l’opzione migliore, ma abbracciare qualcosa di nuovo senza cercare il motivo per cui per cui ne senti la necessità è sicuramente la più onesta e bella delle ragioni.

Come un preludio ad un bacio, la tentazione dell’esplorazione attraverso gli occhi di altri, Roberto Diana visita la musica di Perosi con dedizione, il legame emotivo tra strumento e cervello umano è complesso, riempito con lo stesso desiderio che proviene dal primo assaggio di le labbra di un altro, eppure Roberto Diana e Tri Nguyen lo catturano in modo superbo, e nella versione di The Fourth Hour, l’allettante prospettiva di ciò che verrà con l’album, il Project Perosi viene rivelato.

Insieme a Roberto Diana nel singolo troviamo il vietnamita Tri Nguyen, giustamente considerato uno dei più importanti ed unici suonatori di Dan Tranh Zither.
È una combinazione notevole, schietta, la stessa ricerca di energia e impegno che attraversa le vene di ogni musicista.
È un impegno importante, poiché il mondo classico non viene spesso realmente rappresentato nel modo in cui forse è stato previsto, dirottato da coloro ai quali non hanno riguardo per la popolarità del pezzo quando viene suonato con vigore e agitazione osservanza.

Questo mix creativo di sonorità Sarda e musica Orientale è quel vigore originale nell’ambientazione moderna, è una forza che puo sentire crescere nelle proprie vene anche chi potrebbe dichiarare di non comprendere la meccanica della sinfonia classica.

The Fourth Hour è un bellissimo brano che regge la bellezza tra le sue braccia.

Ian D. Hall

Leggi la versione originale: http://www.liverpoolsoundandvision.co.uk